sabato 18 settembre 2021

IL PERIPLO DELLE CINQUE LUNE- Lavori in corso / Bozza di copertina

 

 

 

 

Agostino Spataro

 

Il periplo delle cinque lune

 

 

 


Note di viaggio per la Sezione esteri del PCI

 

 

 

 


 

 

 


sabato 11 settembre 2021

 

USA 2001-2021                                                                                                       UN FALLIMENTO NEL MEDITERRANEO E NEL MEDIO ORIENTE

di Agostino Spataro

Ora che anche il compagno Massimo D’Alema, finalmente, ha ricominciato a parlare chiaro (intervista al “Il Domani” del 11/9/21) si può, forse, aprire una riflessione nella sinistra italiana su tutto un periodo, lungo e sanguinoso, che ha visto il Mediterraneo e il Medio Oriente messi a ferro e a fuoco, da parte degli Usa, della Nato e di talune organizzazioni terroristiche. Con esiti militari e politici a dir poco disastrosi.                                                                                                                                                    In questo passaggio dell’intervista di D’Alema c'é la sintesi del fallimento di un ventennio giocato sull’orlo dell’avventurismo e della sleale collaborazione.



“La risposta occidentale all’attacco terroristico delle Twin Towers aveva un contenuto militare, che ha ottenuto qualche risultato.Ma aveva soprattutto un forte disegno politico-culturale: l’idea che attraverso l’espansione della democrazia nel mondo islamico si sarebbero costruiti anticorpi in grado di debellare il fondamentalismo antioccidentale e il terrorismo. Questo progetto è fallito”. Ma soprattutto “non solo con le armi, è fallita l’idea che la democrazia si possa esportare” e “sono fallite anche le primavere arabe, che era l’espansione della democrazia sull’onda di un movimento popolare. L’omologazione culturale non funziona”.

Tutto ciò non è avvenuto a caso, ma è iniziato 20 anni fa, con la vittoria, contestatissima, di Bush junior (con vicepresidente Cheney) insediatosi nel 2001.                                                                                        Queste date e questi nomi mi fanno tornare alla mente un “discorso” premonitore che ascoltai a La Valletta, nel 1988, dall’amico Alex Sceberras Trigona, già ministro degli esteri maltese con Dom Mintoff, secondo il quale negli Usa erano stati elaborati dei piani per nuovi interventi nel Mediterraneo e nel Medio Oriente da attuare con l’insediamento del nuovo Presidente.. 

 

                                             Alex Scebarras Trigona interviene all’Assemblea delle Nazioni Unite


Negli Usa era ancora in auge Bill Clinton che si apprestava a celebrare i 50 anni della creazione della Nato (1999) e nessuno prevedeva una vittoria di Bush jr alle presidenziali del 2000. Tranne, forse, i grandi strateghi Usa che avevano i mezzi per ottenerla comunque, come poi l’ottennero.

Il cambio era necessario per attuare i “piani” di cui mi parlò Trigona (vedi pagina del libro*) mirati a un controllo più diretto degli Usa nel Mediterraneo e nel Medio Oriente ora unificati sotto il nome di “regione Mena” ossia una nuova entità geo-strategica che ridimensionava, mortificava il tradizionale ruolo dell’Europa nell’area con il suo bagaglio di accordi multilaterali (Barcellona, ecc.) e bilaterali.   *Ma ecco le pagine del mio libro “Nella Libia di Gheddafi”







                                               Agostino Spataro con Alex e consorte ad Agrigento, 2013